Come fare…

Condividi la tua conoscenza! A volte le cose che a te sembrano banali per gli altri sono dei grattacapi. Iscriviti e diventa un web-teacher!

Come fare… header image 2

Come fare a coltivare orchidee

Gennaio 13th, 2008

Questo articolo è stato scritto da Andreina

· Nessun Commento

Questo articolo è stato visualizzato 18942 volte

Sembrerà difficile coltivare le orchidee ma è relativamente semplice. Sicuramente alcune varietà sono più adatte di altre alla coltivazione in appartamento, ma basta seguire alcune semplici regole e il successo è garantito.


Phalenopsis Le orchidee amano l’umidità ma non il ristagno d’acqua. Amano la luce ma non il sole diretto. Hanno poche esigenze: annaffiature ogni settimana e ogni due settimane un po’ di concime nell’acqua dell’annaffiature. E’ preferibile usare acqua non calcarea e non decalcificata, l’ideale sarebbe l’acqua piovana. Se le radici fuoriescono dal piccolo vaso,ogni due anni si possono rinvasare aggiungendo un po’ di terriccio per orchidee, costituito da corteccia sminuzzata.

In estate, se si possiede un giardino, amano stare all’ombra di un pergolato e godersi il fresco della notte e le piogge estive (basta ricordarsi, dopo la pioggia, di svuotare il sottovaso). Nel mese di ottobre si devono ritirare in casa come si fa con tante altre piante da appartamento.

E’ una grande soddisfazione quando si vede spuntare il germoglio che poi darà luogo allo stelo fiorale!

Di seguito seguono alcune informazioni sulle orchidee:

le orchidee sono presenti quasi ovunque in natura, la maggior parte delle specie è originaria delle zone tropicali, solo una piccola parte cresce spontaneamente in Europa. Mentre le orchidee tropicali e ancor più quelle coltivate, sono molto appariscenti con fiori grandi, quelle spontanee hanno fiori minuti ma non per questo sono meno belle. Quando ci si avventura in montagna può capitare di trovare vicino ad un piccolo corso d’acqua, decine di questi fiori, anche a 1500-2000 metri di altitudine. La maggioranza di quelle tropicali crescono ancorandosi con le radici alla corteccia degli alberi, assorbendo l’ acqua e i nutrienti dalle piogge e dall’umidità atmosferica; sono definite piante epifite.

Nei nostri climi invece quasi tutte le specie sono terricole (crescono con le radici nella terra). In Italia tutte le orchidee spontanee sono protette e non vanno assolutamente raccolte. Le orchidee sono famose oltre che per la bellezza anche per la durata dei fiori che, nelle varietà coltivate, durano sulla pianta anche due o tre mesi.

Queste piante si possono distinguere in due gruppi:

Le orchidee che amano il caldo e le orchidee che amano il freddo

Tags: Giardinaggio

Vota questo articolo:

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (7 votes, average: 4.29 out of 5)
Loading ... Loading ...

0 commenti lasciati finora ↓

  • Non sono ancora presenti commenti, Rompete il ghiaccio e lasciatene uno!

Devi accedere al sito per lasciare un commento.