Come fare…

Condividi la tua conoscenza! A volte le cose che a te sembrano banali per gli altri sono dei grattacapi. Iscriviti e diventa un web-teacher!

Come fare… header image 2

La conservazione del pomodoro

Giugno 24th, 2008

Questo articolo è stato scritto da Andreina

· Nessun Commento

Questo articolo è stato visualizzato 16714 volte

POMODORI PELATI

Occorrono 10 kg di pomodori S. Marzano, ben maturi, per preparare 20 vasetti di pelati da ½ kg o 10 da 1 kg.

Lavate i pomodori e sbollentateli interi in una pentola di acqua in ebollizione, per 2 minuti.

Questa operazione si fa con circa 1 kg di pomodori alla volta, si gettano in una insalatiera con acqua fredda, per poterli spellare con facilità.

Dopo aver sbucciato i pomodori, si toglie la parte centrale, più dura, che era attaccata al picciolo.

Riempite i vasetti, puliti e asciutti, con i pelati, cercando di sfruttare al massimo lo spazio, schiacciandoli leggermente. Aggiungete ½ cucchiaino di sale e se gradito, qualche foglia di basilico. Chiudete i vasetti ermeticamente e sterilizzate per 30 minuti, se i vasi sono più grandi si sterilizza per 45 minuti. Si conservano in un luogo fresco e buio.

Questi pelati sono ideali per condire la pizza, per i sughi freschi e per le bruschette quando non c’è la disponibilità del pomodoro fresco.

PASSATA DI POMODORO

Occorrono 10 kg di pomodori tipo S.Marzano o pomodori lunghi ricchi di polpa;

con questa dose si preparano circa 15 vasetti da ½ kg.

Lavate bene i pomodori, fateli asciugare e tagliateli a metà o in quattro parti se sono grandi;

eliminate i semi contenuti all’interno e con essi la poca acqua di vegetazione.

A questo punto ci sono due possibilità: una utilizza il passapomodoro elettrico, la seconda utilizza il passaverdura manuale.

Passateli al passapomodoro elettrico che separerà le bucce dalla polpa.

La passata sarà convogliata in un recipiente pulito e asciutto; a questo punto si procede al riempimento dei vasetti, aggiungendo un po’ di sale fino e se gradito, un po’ di basilico.

I vasetti si riempiono sino ad un dito dal bordo, chiudeteli ermeticamente e sterilizzateli per 30 minuti.

Se si vuole utilizzare il passaverdura, il procedimento è il seguente:

Dopo aver lavato i pomodori, tagliateli a pezzi grandi e poneteli in una pentola capiente.

Portateli ad ebollizione schiacciando i pomodori con un cucchiaio di legno e mescolate.

Lasciate bollire per circa 10 minuti per ammorbidire il contenuto.

Passate al passaverdura per eliminare i semi e le bucce.

Rimettete la passata nella pentola e fate cuocere per altri 10 minuti.

Ora potete sistemarla nei vasetti con un po’ di sale, chiudete i vasetti e sterilizzate per 30 minuti.

Secondo la mia esperienza con il primo procedimento la passata conserva il sapore del pomodoro fresco.

SUGO DI POMODORO CON VERDURE

E’ un sugo da preparare in estate, quando i pomodori sono maturi al punto giusto.

Le dosi si possono ridurre per fare poco prodotto, o raddoppiare per fare più sugo.

Ingredienti:

3 kg di pomodori da salsa

300 gr di carote

300 gr di cipolle

300 gr  di sedano

aglio a piacere

aromi misti ( alloro, basilico, timo, santoreggia, rosmarino)  legati  in mazzetto.

Cuocete i pomodori lavati, puliti e tagliati a metà, con le tre verdure tritate, per circa 2 ore.

Mescolate spesso con un cucchiaio di legno per evitare che la salsa si attacchi sul fondo della pentola.

Passate al passaverdura, aggiungete 1 cucchiaio e mezzo di sale. Se si desidera aggiungere l’olio, la dose  è di un bicchiere. Il condimento si può aggiungere al momento del consumo, a crudo, dopo aver scaldato il sugo. Invasate in vasetti di piccole dimensioni, in modo da consumare il prodotto nel più breve tempo possibile.

Sterilizzare per 15 minuti.

Questo sugo, durante la cottura, inonderà la vostra casa con il suo straordinario profumo!

Tags: Conserve · Cucina

Vota questo articolo:

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (7 votes, average: 4.86 out of 5)
Loading ... Loading ...

0 commenti lasciati finora ↓

  • Non sono ancora presenti commenti, Rompete il ghiaccio e lasciatene uno!

Devi accedere al sito per lasciare un commento.