Come fare…

Condividi la tua conoscenza! A volte le cose che a te sembrano banali per gli altri sono dei grattacapi. Iscriviti e diventa un web-teacher!

Come fare… header image 2

Come evitare il surriscaldamento del vostro computer portatile

Febbraio 20th, 2010

Questo articolo è stato scritto da migrans

· 2 Commenti

Questo articolo è stato visualizzato 20466 volte

Un problema piuttosto frequente per chi utilizza un computer portatile è il surriscaldamento. Rispetto ai PC, che hanno un case capiente e maggiore spazio per le prese d’aria, i notebook tendono a riscaldarsi maggiormente, e sapere come evitarlo consentirà di allungare la vita del nostro portatile. Negli ultimi anni il computer portatile ha in alcuni casi sostituito il computer fisso,  con usi di diverse ore ogni giorno. Di solito i problemi di surriscaldamento non si verificano se si usano principalmente programmi come editor di testi, le suite di Office o Openoffice, ma principalmente se si utilizzano programma che sovraccaricano il processore centrale (CPU) o quello grafico (GPU).

Il portatile per sua natura è leggero e molti lo possono utilizzare sul letto o sul divano, su superfici morbide e non solo su tavoli e scrivanie. Questa è una delle cose da evitare, in quanto il surriscaldamento si può verificare se le prese d’aria che spesso sono sotto al computer vengono ostruite da superfici morbide. I primi sintomi del surriscaldamento sono lo spegnimento improvviso del computer, che può poi impedire il riavvio per alcuni minuti, ovvero fino a quando la temperatura interna non raggiunge le temperature ottimali di funzionamento. Di seguito troverete alcuni consigli su come agire per evitare il surriscaldamento del vostro computer portatile.

1) Non posizionate il vostro laptop su una superficie morbida o su una superficie che blocchi le prese d’aria della vostra macchina. In parole povere il computer è stato progettato per essere sollevato dal piano di lavoro di mezzo centimetro o un centimetro, insomma lo spazio necessario che lo solleva grazie ai piedini di cui è dotato. Se lo appoggiamo su una superficie morbida questo spazio viene ridotto o annullato, con la conseguenza di non avere una ventilazione sufficiente. Se la temperatura interna aumenta entra in gioco un dispositivo di sicurezza che toglie l’alimentazione al nostro notebook e ne causa lo spegnimento per sicurezza per non danneggiare i componenti interni. In questo caso dovrete attendere pochi minuti per consentire alla temperatura interna di abbassarsi e riaccenderlo dopo averlo messo in un posto che consenta una migliore areazione.

2) Non posizionate il computer nella sua custodia o borsa quando è acceso. Se il computer viene lasciato acceso ma chiuso metteremo in pericolo sia la tastiera che lo schermo, con serie possibilità di danneggiarli.

3) Se il computer continua a dare problemi di spegnimento potete sollevarlo dal piano di lavoro utilizzando uno spessore sotto il monitor ed inclinandolo leggermente. Pochi centimetri possono essere utili per far fluire aria più fresca sotto il computer e migliorare il raffreddamento. Per monitorare la temperatura del computer vi consiglio un software gratuito che si chiama SpeedFan e che è in grado di misurare la temperatura del processore grafico e del core del computer.

4) Controllate che le ventole di areazione non siano ostruite. Dopo un po’ di tempo da queste fessure in cui viene risucchiata l’aria si può accumulare polvere che ne ostruisce l’apertura, riducendo la quantità d’aria risucchiata e di conseguenza la capacità di raffreddamento. Se notate che c’è polvere nelle fessure potete utilizzare aria compressa per eliminarla. Questa operazione deve essere effettuata a computer spento per non danneggiare le ventole ed il motorino che le aziona. Molto spesso questa operazione è sufficiente a risolvere il problema. Nel mio caso utilizzando programmi di grafica capitava spesso che il mio computer si spegnesse, dopo aver installato il programma di cui vi ho parlato prima ed aver effettuato la pulizia con aria compressa la temperatura in esercizio del mio computer e soprattutto del processore grafico (io monto un scheda grafica NVIDIA GEFORCE 9600M GS con 1 Giga di memoria dedicata) è diminuita di 20°C.

Le temperature ottimali per il funzionamento si aggirano intorno ai 30-40°C ma durante alcune operazioni può aumentare notevolmente, fino a raddoppiare. Ovviamente lavorare a temperature più basse contribuisce a ridurre l’usura dei componenti ed allunga la vita della batteria e del nostro PC.

Tags: Computer

Vota questo articolo:

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 3.75 out of 5)
Loading ... Loading ...

2 commenti lasciati finora ↓

  • 1 raimondo58 // Apr 23, 2012 at 01:52

    Il surriscaldamento del computer può provocare anche problemi all’audio come disturbi ,rumori,audio a singhiozzo ,etc..? scusa questa mia terminologia non professionale e ti ringrazio anticipatamente per la tua eventuale risposta…

  • 2 admin // Apr 23, 2012 at 10:55

    Ciao, il problema che descrivi penso abbia un’origine diversa. Potrebbe essere legato alle prestazioni generali del computer. Se hai notato prestazioni in calo, computer lento quando fai molte cose nello stesso momento e magari ascolti anche la musica, potrebbe essera la causa del problema che descrivi. Oppure, se noti che il problema è sempre presente, hai notato se la qualità audio è la stessa anche se inserisci le cuffie? Se nelle cuffie si sente bene la causa è negli altoparlanti del portatile che a causa del tempo, sporcizia o usura non funzionano più correttamente. Di che marca è il computer? E’ nuovo o vecchio? Ho sentito che alcuni problemi legati agli altoparlanti siano stati segnalati per alcuni HP. leggi qua per esempio: http://h10025.www1.hp.com/ewfrf/wc/document?docname=c01042011&lc=it&cc=it&dlc=it

    Facci sapere!

Devi accedere al sito per lasciare un commento.